89, Judd Street | London - UK | WC1H 9NE

Ultime News dal W. Walton Trust

Giovedì 10 luglio 2014
ore 21.15 Façade di William Walton

Castello dei Cavalieri di Malta, Magione Dame Felicity Lott, soprano Roger Allam, voce recitante Angela Hewitt, pianoforte Jeffrey Tate, direttore Solisti dell'Orchestra Aurora Un concerto speciale con la partecipazione di Felicity Lott, soprano tra i più amati al mondo. Dame Felicity canterà lieder di Schumann, Strauss, Mahler e Reynaldo Hahn. La seconda parte della serata sarà dedicata ad una performance scintillante di "Façade" di William Walton, con il pluripremiato attore britannico Roger Allam e Dame Felicity nel ruolo di voci recitanti. Dibattito pre-concerto con gli artisti condotto da Eric Friesen, ore 20.30

Il William Walton Trust è lieto di annunciare che il musicologo italiano Paolo Petrocelli ha vinto il prestigioso premio di ricerca Beinecke Fellowship della Beinecke Rare Book and Manuscript Library dell’Università di Yale. Nell'aprile del 2012, Petrocelli trascorrerà un mese a Yale per studiare i manoscritti originali del compositore inglese William Walton. Durante la sua permanenza, collaborerà inoltre con William Boughton e la New Haven Symphony Orchestra, partecipando alla realizzazione di alcuni concerti programmati proprio all'interno del William Walton Project.   MAGGIORI INFORMAZIONI >

Dancing Henry V è una riduzione di Enrico V di Shakespeare, che incorpora teatro, narrazione e danza. Regia e coreografia a cura dell'icona postmoderna David Gordon, la durata di un'ora della produzione provoca una riflessione ironica sulla (im) moralità della guerra MAGGIORI INFORMAZIONI >

Registrato dal vivo alla Woolsey Hall, questo CD pubblicato dall’etichetta discografica Nimbusmette in mostra la maestria artistica della New Haven Symphony Orchestra e del direttoremusicale William Boughton nel condurre la Sinfonia n. 1 di William Walton e il suo Concertoper Violino, interpretato dal con il solista di fama internazionale e nativo del Connecticut, KurtNikkanen.

MAGGIORI INFORMAZIONI >

Alessandra Vinciguerra scrive:

"Vorrei brevemente riportare circa la permanenza di un ristretto gruppo di allievi provenienti dal Curtis Institute di Philadelphia. L'esperienza è stata totalmente positiva ed emozionante. Il gruppo è arrivato il 17 maggio e partito il 2 giugno. In questi giorni un totale di 6 allievi ha soggiornato presso il Giardino: un quartetto d'archi, il Quartetto Vertigo, che hanno soggiornato nel corso di 2 settimane, poi un pianista per i primi giorni, e un baritono per circa 10 giorni. Due membri della Facoltà hanno accompagnato gli studenti: Dean Bob Fitzpatrick per i primi 10 giorni, e il capo del Dipartimento Vocale, Mikael Eliassen, per circa una settimana. Infine Roberto Diaz, il nuovo presidente (dal 1 giugno), è venuto solo per un giorno e ha tenuto una masterclass sul Concerto per Viola, frequentato da uno studente della Scuola di Fiesole (che l'ha talmente apprezzata che
ha chiesto se poteva frequentare più corsi di perfezionamento da lui!). Gli studenti del Curtis si sono esibiti in 6 concerti, 3 ogni fine settimana, con un programma estremamente vario (non hanno mai ripetuto un pezzo). La qualità delle performance è stata veramente sorprendente, e il pubblico era così entusiasta che abbiamo avuto il tutto esaurito ad ogni concerto. Alla fine
del concerto scorso il baritono ha cantato una serenata, una canzone d'amore, in onore di Lady Walton per ringraziarla dell'ospitalità!”

Il William Walton Trust ha assegnato un premio di ricerca al musicologo italiano Paolo Petrocelli, per le ricerche svolte sul Concerto per Violino e Orchestra di William Walton.

Il Trust è lieto di sostenere il RNCM Manchester International Cello Festival dal 2 al 6 maggio 2007. Il nono RNCM Manchester International Festival Cello ha come tema la musica britannica. Alcuni tra i violoncellisti più importanti di tutto il mondo parteciperanno all’evento. Il concerto di punta del Festival si terrà alla Bridgewater Hall di Manchester, sabato 5 maggio 2007, con l’esecuzione del Concerto di Walton nell’interpretazione di Yo-Yo Ma e della BBC Philharmonic con il loro direttore principale, Gianandrea Noseda .

La Cambridge Scholars Publishing pubblica il nuovo libro del musicologo italiano Paolo Petrocelli su William Walton: “The Resonance of a Small Voice: William Walton and the Violin Concerto in England between 1900 and 1940”.

Synopsis

The aim of this dissertation is to present a study and an historical-musicological analysis of the Concerto for Violin and Orchestra of Sir William Walton, discussing more specifically the shape of the Concerto for Violin in England between 1900 and 1940, taking into consideration the works of Charles Villiers Stanford, Edward Elgar, Samuel Coleridge-Taylor, Frederick Delius, Ralph Vaughan Williams, Arthur Somervell, Arnold Bax and Benjamin Britten.

The thesis is divided in three parts:
- the first discusses the Concertos for Violin and Orchestra of the composers active in England between 1900 and 1920: Stanford*, Elgar, Coleridge-Taylor, Delius.
- the second discusses the Concertos for Violin and Orchestra of the composers active in England between 1920 and 1940: Vaughan Williams, Somervell, Bax, Britten.
- The third part discusses the Concerto for Violin and Orchestra of William Walton.

At the beginning there is a brief digression on the shape of the Concerto for Violin and Orchestra between the XIX and XX century in Europe, aimed to provide base knowledge of the characteristics of this musical form and to initiate a comparison between the various national composing styles.

Each part is introduced by means of a generic historical-musical description of England and presents, after a biographical exposition of the composers, a formal, structural, harmonic and aesthetic analysis more or less extensive of the single concerts, along with a study of the technical aspects of the performance and a reflection on the composer-performer relationship. At the end of each part a comparative compendium is presented.

The first and second part are entirely developed in function of the third, that discusses exclusively and in a more detailed manner the Concerto for Violin and Orchestra of William Walton, the work that provoked the most interest in me.

To conclude the introduction, in the appendix there are some unpublished quotes, gained during the research work for this dissertation, given by well-known composers, regarding some of the discussed concertos, particularly in relation to Walton's. I believe this to be a precious contribution, that enriches and completes a reflection started in the dissertation, on the purely technical aspect of music for violin of British composers in the first half of the XIX century.

* Concerto in D major Op.74 (1899), last concerto for violin and orchestra of the XIX century in England.